«AUG! è figlio della rabbia e della frustrazione.

Una scintilla e la voglia di urlare qualcosa in faccia a chi non vuole offrirci il mondo migliore.

Poi succede che alla rabbia faccia da eco l’Odio; c’ho preso gusto…

Quando mi rendo conto della mole di contenuti accumulata, decido di non lasciarla marcire nel mio cassetto, perché, tutto sommato, potevo avere qualcosa da dire.»

"Veramente quant’io del regno santo

nella mia mente potei far tesoro,

sarà ora matera del mio canto…”

«L'arte è per tutti e non nuoce gravemente alla salute.»

«L'Arte sarà ancora il filo indistruttibile e indissolubile che ci terrà legati alla vera essenza della natura umana.»

«La realtà nasconde ed esercita un ritmo nell'osservare umano e in tutti i suoi cimenti: Andrea Cacopardo ne possiede le chiavi che non usa però, da meraviglioso scassinatore del poetare. È il colpo di coda del genio moderno che tenta la frustata frammentando i destini del suono: lui sceglie quelli più improbabili e li tatua, con l'ironia dell'ago e l'imprevedibilità del mago, su queste pagine; provando a comporli nelle trame del senso vi ritroverete al confine tra ciò che è lèggere - dunque volare - e ciò che è comprendere, dunque precipitare sui territori angusti del canto umano e della sua matematica. [...]»

                                                                                    V. P.

"Memento aMori" è un'antologia di dieci racconti, il cui titolo è ricalcato sul ben noto adagio Memento Mori, con il quale la tradizione moralistica antica ammoniva gli esseri umani di ricordarsi della propria natura mortale, così fragile e transitoria. Con l'arguta deformazione del motto latino, l'autore ci consente di individuare sin dal titolo i temi fondamentali dei suoi racconti.

L'esperienza della morte, variamente narrata e descritta, attraversa l'intero volume, raggiunge senza distinzione genitori, figli, fidanzati, ecc. Il lutto, i conflitti interiori, la follia, la gelosia, il rancore, i differenti modi con cui la sofferenza attanaglia le vite dei personaggi, sono raccontati in questo libro con un senso di pietà, profonda empatia, e autentica comprensione dell'umana debolezza.

"Memento Amori" è un invito a comprendere e ad abbracciare questa nostra umanità fragile e sofferente.

Se nella stanza del lussuoso albergo di Verso Sud vince il pensiero del domani attraverso un sesso affettuoso e senza remore, fatto di verità, amicizia e speranza, ne Le foto di Sybil un novello Dorian Gray si allontana da Jean e Marie - la cui unione è una costante costruzione di erotismo “normale” e sempre irrinunciabile - per avvicinarsi ai quasi drogati e animalizzati protagonisti di Gang Bang. Questo accade mentre due giovani lesbiche ribadiscono la loro complicità di coppia cercando la compagnia di altre e di altri, mentre una Lolita riemerge dal passato di un quarantenne. C’è poi chi cerca la salvezza in un Dio elettrico, sottraendosi all’indolenza di un amante che sta schiacciando i suoi sogni, chi rivive, in una lettera, la perdita di lenzuola intrise di orgasmi e agonie, chi crolla di fronte alla banale seduzione della gioventù che ha perduto, chi, navigando sul Fiume Giallo, cede senza freni inibitori a un bellissimo orientale che dimostra di conoscere gli esotici segreti del Tao dell’amore. Queste le storie dei dieci racconti a sfondo erotico che narrano non solo di sesso, ma anche d’amore e di chimere, di fuga e della quotidiana scelta di rimanere nella propria vita reale.

«Era il 2017 e, come affezionata frequentatrice delle manifestazioni di Gradara, fui invitata a tenere una conferenza, forse più un amichevole incontro, alla manifestazione “Gradara ‘800 a vapore”, sulle scoperte che hanno cambiato il mondo. E proprio in quel frangente ebbi la spinta a scavare cosa ci fosse nel passato più lontano, le scoperte che avevano irrorato il terreno della tecnologia fino alla robotica. Di lì a poche ore anche un racconto nasceva, mentre immaginavo un passato enormemente ricco d’intuizioni, di scienza, di basilari concetti meccanici, dalla fisica alla filosofia. Pensavo a come noi esseri umani siamo stati nel tempo aiutati e sostenuti dalle grandi scoperte. Inimmaginabile il vaso di Pandora che si è schiuso. Mi sono trovata a faccia a faccia con la natura umana e attraverso i robot ne ho analizzato i comportamenti, quelli peggiori. La tecnologia - il progresso - deve necessariamente apportare un miglioramento, uno sviluppo, una evoluzione; a volte mi chiedo, osservando il modo nel quale gli esseri umani vivono e manipolano la natura, se questo realmente sia avvenuto.»

«Oggettilandia è il mondo in cui Matteo ci trasporta, un mondo dove gli oggetti prendono vita per accompagnare un giovane uomo nella progressiva, a volte dolorosa ricerca del suo equilibrio interiore, in uno scenario fantastico, ed accompagnati da “personaggi” molto particolari, gli oggetti.» (L.G.)

 

«Una guerra tra Bene e Male, nella quale, a volte, coincidono, dove le penne e le parole sono le armi più potenti. Una battaglia senza esclusione di colpi, di sentimenti, di un amore che supera ogni barriera e un coraggio senza risparmiarsi, andando oltre fino all’anima delle cose.» (M.S.)

© 2017 Libereria