Cerca
  • Libereria

IL NOCCIOLO di Vittoria Cacciapaglia


Oggi ho camminato senza avere i piedi per terra,

In questo mattino grigio di un dicembre qualsiasi, ghiacciato dentro,

Il nocciolo non cambia, e io lo mastico così bene,

I polmoni respiravano aria fritta, gli occhi guardavano senza vedere,

Danzavo con le onde del mare d’estate, con i ricordi al sapore di zenzero e cannella,

Seduta in disparte osservavo quella bimba, non la ricordavo più,

Le ho chiesto di sedersi con me,

Abbiamo guardato a lungo uno scivolo dove ora c’è la neve,

dove un tempo quella bimba giocava.


18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo