Cerca
  • Libereria

IL NOCCIOLO di Vittoria Cacciapaglia


Oggi ho camminato senza avere i piedi per terra,

In questo mattino grigio di un dicembre qualsiasi, ghiacciato dentro,

Il nocciolo non cambia, e io lo mastico così bene,

I polmoni respiravano aria fritta, gli occhi guardavano senza vedere,

Danzavo con le onde del mare d’estate, con i ricordi al sapore di zenzero e cannella,

Seduta in disparte osservavo quella bimba, non la ricordavo più,

Le ho chiesto di sedersi con me,

Abbiamo guardato a lungo uno scivolo dove ora c’è la neve,

dove un tempo quella bimba giocava.


18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st