Cerca
  • Libereria

XIV di Federico Morando


Ti aspetto qui, a braccia aperte, In piedi sulla riva Dall'altra parte del Lete, Dove Dio Sono io, Sei tu, Siamo noi. Ti aspetto qui, Già ti cerco con lo sguardo. Ti insegnerò l'Abbraccio: Ci si incontra a metà strada Tra il mio cuore e il tuo, Si chiudono un po' gli occhi Per la forza dell'affetto, Le fronti si allineano e si incastrano Come pianeti di destini condivisi, E ci si stringe forte forte, La tua anima si fa collante della mia, E ci si aspetta che non finisca mai, Che duri in eterno Quel nostro momento, Così vicini, Io e te, A costruire l'Infinito.


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof