Cerca
  • Libereria

XIV di Federico Morando


Ti aspetto qui, a braccia aperte, In piedi sulla riva Dall'altra parte del Lete, Dove Dio Sono io, Sei tu, Siamo noi. Ti aspetto qui, Già ti cerco con lo sguardo. Ti insegnerò l'Abbraccio: Ci si incontra a metà strada Tra il mio cuore e il tuo, Si chiudono un po' gli occhi Per la forza dell'affetto, Le fronti si allineano e si incastrano Come pianeti di destini condivisi, E ci si stringe forte forte, La tua anima si fa collante della mia, E ci si aspetta che non finisca mai, Che duri in eterno Quel nostro momento, Così vicini, Io e te, A costruire l'Infinito.


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr