Cerca
  • Libereria

IL TEATRO DELL'ASSENZA di Luigi Costantino


Hai alzato un muro

messo il recinto

persino il filo spinato

e per terra solo detriti

ciarpame

bottiglie e mozziconi di sigarette

fumate da chissà chi, chissà quando

la zona adesso è disabitata

neanche un cartello "attenti al cane"

so che sei fiera

di questo teatro dell'assenza

ma cosa te ne fai

di tutta questa proprietà privata?

Non è edificabile né godibile.

Nessun cuore vorrebbe mai abitarci.

Eppure

se solo buttassimo giù quel muro

rispunterebbero i visitatori

e anch'io, forse

tornerei a guardarti

come si guarda

un'opera ben riuscita.


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof