Cerca
  • Libereria

IL TEATRO DELL'ASSENZA di Luigi Costantino


Hai alzato un muro

messo il recinto

persino il filo spinato

e per terra solo detriti

ciarpame

bottiglie e mozziconi di sigarette

fumate da chissà chi, chissà quando

la zona adesso è disabitata

neanche un cartello "attenti al cane"

so che sei fiera

di questo teatro dell'assenza

ma cosa te ne fai

di tutta questa proprietà privata?

Non è edificabile né godibile.

Nessun cuore vorrebbe mai abitarci.

Eppure

se solo buttassimo giù quel muro

rispunterebbero i visitatori

e anch'io, forse

tornerei a guardarti

come si guarda

un'opera ben riuscita.


23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st