Cerca
  • Libereria

STILE di Alessandro Mazzà


Non di ciò che guardi e che dici mi nutro. Non del fatto che guardi e che dici. Gioisco per l'esistenza di quell'occhio, di quella lingua tutta interiore, tutta perduta, tutta rifondata, di quell'indicibile che si dice. Di quella voce che dice di sé: sono indicibile. Confermandosi, contraddicendo. Gioisco se esiste il guardabile e il dicibile, se sa manifestarsi e sa sparire. Gioisco e spariscono i fatti. Dico che gioisco, e sono illeggibile. Il mondo che non si compie mai e non ha niente da assolvere, quest'idea di mondo si consola in chi è consolato, è salva in chi assiste e attende, in chi per sempre è qui e adesso. Sono te, poeta, sto a distanza. Abito la profondissima superficie dello stile, la lama del pugnale.


88 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin