Cerca
  • Libereria

SABBIA di Alessandra Scatà


Sono sabbia instabile che si lascia portare via dal vento.

Basta una brezza del nord e io mi dissolvo.

Arriva una folata e mi porta via

mi porta fino a te.

Mi fa insinuare nei tuoi occhi e tra le tue labbra

voglio baciarti ma mi scacci con le dita

mi strofini via fino a che non rimane nemmeno un granello di me sulla tua pelle.

E poi il libeccio mi allontana nuovamente dai tuoi capelli e dalle tue mani.

Mi lava via e mi affoga negli oceani del sud

ma io muoio con la tua dolcezza sulle labbra.


19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof