Cerca
  • Libereria

SOTTIGLIEZZA di Maddalena Caprara


Ogni tanto mi perdo. Non ho idea di quanto tempo sia dedicato a questo viaggio, vengo inghiottito dal

silenzio, da una nuvola di fumo profumato. È una leggerezza encomiabile, di quelle che vorresti

non finissero mai. Non ci sono esseri viventi e neppure cose tracciabili, è un pianeta ovattato carico

di nebbia sottile, cordicelle di zucchero filato che giocano ad incontrarsi. Non tento mai di afferrarle, desidero sbatterci il naso per odorarle, attendo che si ricompongano.

Sono solo sospeso, un cumulo di niente che vaga da qualche parte.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st