Cerca
  • Libereria

SOTTIGLIEZZA di Maddalena Caprara


Ogni tanto mi perdo. Non ho idea di quanto tempo sia dedicato a questo viaggio, vengo inghiottito dal

silenzio, da una nuvola di fumo profumato. È una leggerezza encomiabile, di quelle che vorresti

non finissero mai. Non ci sono esseri viventi e neppure cose tracciabili, è un pianeta ovattato carico

di nebbia sottile, cordicelle di zucchero filato che giocano ad incontrarsi. Non tento mai di afferrarle, desidero sbatterci il naso per odorarle, attendo che si ricompongano.

Sono solo sospeso, un cumulo di niente che vaga da qualche parte.


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin