Cerca
  • Libereria

IL TAVOLO di Doria Tacchia


Le gambe lì,

allungate sul Tavolo

e guardo oltre mentre sorseggio del vino.

Non ho richieste in questa tarda serata

che mi si appoggia addosso

mentre si rincorrono ombre che attraversano i muri di questa stanza.

C’era un tempo che ogni cosa sapeva di nuovo,

che ogni raggio era il primo

e ad ogni luna contavi il suo quarto.

C’era un tempo che aspettavi domani

perché era ancora a venire

e un tempo per cose da fare.

Oggi è così che guardo scorrere i tempi andati:

seduta, allungando le gambe

tra un sorriso accennato

e gli occhi oscurati....

E brindo a quel Tavolo che accoglie i miei istanti.


45 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st