Cerca
  • Libereria

LE DOLCI ILLUSIONI di Laurent Vercken de Vreuschmen


Saprebbe

Il mastro musico del mondo

Suonare le brine del mattino

Per il tramite

Delle piccole e dolci vite

Che su quelle foglie di prato

Pascolano il proprio mondo

Ed egli è il vento

Saprebbe

Il monaco,

Accompagnandosi a un accenno di sorriso

Muovere i destini delle cose

Porre limiti severi ai continenti

Nutrire la realtà

Ed egli è l’acqua

Saprebbero

I destini dell’universo

Le forze della vita nascosta

Emanciparsi un giorno dalla discrezione

E giocare sapienti

Con le parole,

Rinunciare alle dolci illusioni

Per abbracciare, maturi

Gli affascinanti domani

Ed essi sono i ragazzi

Essi

Siamo io e tu

E la realtà

Che per nome ci chiama

A vivere,

Ricordare,

Noi, ciò che eravamo stati

Noi, pionieri di altri mondi


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof