Cerca
  • Libereria

LE DOLCI ILLUSIONI di Laurent Vercken de Vreuschmen


Saprebbe

Il mastro musico del mondo

Suonare le brine del mattino

Per il tramite

Delle piccole e dolci vite

Che su quelle foglie di prato

Pascolano il proprio mondo

Ed egli è il vento

Saprebbe

Il monaco,

Accompagnandosi a un accenno di sorriso

Muovere i destini delle cose

Porre limiti severi ai continenti

Nutrire la realtà

Ed egli è l’acqua

Saprebbero

I destini dell’universo

Le forze della vita nascosta

Emanciparsi un giorno dalla discrezione

E giocare sapienti

Con le parole,

Rinunciare alle dolci illusioni

Per abbracciare, maturi

Gli affascinanti domani

Ed essi sono i ragazzi

Essi

Siamo io e tu

E la realtà

Che per nome ci chiama

A vivere,

Ricordare,

Noi, ciò che eravamo stati

Noi, pionieri di altri mondi


18 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria