Cerca
  • Libereria

PIOGGIA E LANCETTE di Gianluca Sonnessa


La notte divoratrice e non madre dei sogni, strappava fotogrammi di vita lasciando sanguinare i ricordi rimasti aperti.

Solo l'orologio a muro rompeva il silenzio, mentre gli occhi cercavano tra le crepe del soffitto un'imperfezione nell'intonaco capace di ricordare un sorriso.

Pensò che le lancette non si incontrano mai.

Hanno velocità diverse l'una dall'altra, peso differente, una lunghezza che le caratterizza, e continuano il loro cammino sfiorando i numeri più o meno volte durante il giorno che insieme scandiscono.

Ognuna avanza, noncurante delle altre, anche se il loro movimento è solo parte di un meccanismo ben più grande.

Per questo le lancette non si incontrano mai.

Perché non sanno aspettarsi, non riescono a cambiare velocità, non sanno cosa significhi saper tornare indietro.

In fondo lo fanno anche le persone, quando avviluppate nelle proprie vite camminano, corrono, arrancano o si arrampicano, come se ogni loro movimento fosse slegato da quello di ogni altro essere vivente.

E come lancette, le persone non si incontrano mai.

"Pioggia" pensò aprendo le persiane, "continua a piovermi dentro, e nonostante tutto i rami di questo cuore continuano a lasciar cadere le foglie."


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st