Cerca
  • Libereria

RAGAZZA PROUSTIANA di Luigi Costantino


Che ci posso fare. Mi piacciono le ragazze eleganti. Le ragazze dolci. Quelle che hanno stile. E un bel po' di intelligenza. Mi piacciono le ragazze Proustiane. E come sono le ragazze Proustiane? Be' sono quelle ragazze che non esauriscono mai la capacità di interagire con quel puzzle enorme di dubbi e di domande. Quelle che ti svelano ogni giorno nuovi significati. Quelle che ti mostrano ad ogni risveglio nuove qualità. Ma la ragazza di cui vorrei parlarvi in questi versi non è solo Proustiana. Diciamolo: è proprio uno schianto. Occhi neri, capelli neri sguardo intenso. E fin qui va bene, direte voi. Che sarà mai. Il modo in cui si muove. Il modo in cui parla, il mondo in cui agisce. Uno spettacolo. E non si paga il biglietto, come direbbe Bukowski. La sua bocca, poi. Dio, la sua bocca. Mi immagino di tutto. Ogni sapore esistente in natura. Già lo so. Che sa di fragola di panna di vaniglia di amarena nocciola e pistacchio. Solo a rigirarmi tra le labbra il suo nome, sono ingrassato di tre chili. Però son tre chili messi al posto giusto. Tutti qui. Tutti sul cuore.


15 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria