Cerca
  • Libereria

TERRA DI MEZZO di Patrizia Umilio


Vagavano, sulle sterpaglie rinsecchite dalle folate continue di un vento sibillino e acuto, tenui riverberi di una luce proiettata dai lembi estremi di quel mondo di mezzo, provenienti dalle circostanti zone più conosciute. Si estendevano, a sprazzi, in un cielo poco illuminato, costantemente immerso nel grigio soffuso dell’incertezza. Simili a fulmini quieti, scosse elettriche vibranti di viva energia, si manifestavano a guizzi alterni a ravvivare, se pur per brevi istanti, quelle lande desolate e aride. Qui si arenavano i flutti morbidi e schiumosi del mare imprigionati dalle solide zolle di concreta materia. Qui giungevano le eco di quei mondi lontani, terre sconosciute al di là dell’orizzonte visibile che, inevitabilmente, rimanevano imbrigliate nella densa coltre di melmosa incertezza nello stagnare perpetuo di moti repressi e incerte intuizioni. Qui, lenta e guardinga, la fanciulla spaesata si muoveva con passi cauti sulle zolle insicure, giunta per errore o per destino, in questi spazi dell’Anima sconosciuti e angusti. Tra i capelli, scompostamente appoggiati sulle sue spalle, vagabondava quello stesso vento che, giunto da un mare profondo e libero, si attorcigliava in effimere spirali gonfie di speranza.


26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof