Cerca
  • Libereria

CIAO di Alessandra Muzzini


“Ciao!”... Quante emozioni in quattro lettere... Parola spesso pronunciata con noncuranza, superficialità, semplicità, fretta... Ma quanto di inespresso può esserci in un “Ciao!”: “Ehi sono qui! Ti guardo sempre ed aspetto di vederti passare per poterti dire “ciao!”... Vorrei dirti che mi hai fatto innamorare, senza bisogno di parlare, soltanto guardandomi, con quegli occhioni che tu consideri così normali e comuni... Invece per me possiedono tutti i segreti del mio cuore e possono aprire tutte le porte ed i cancelli che ci dividono... Mi piaci, sì tanto tanto... Sei così dolce, Vorrei... Ma poi non riesco a dirti nient’altro che “Ciao!”... Ma ora lo so, che al mio “Ciao!”, risponderesti... “Anch’io!”


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo