Cerca
  • Libereria

HAI DIMENTICATO LA TUA STRADA DA QUANDO L'HANNO COPERTA CON L'ASFALTO E DIVISA IN CORSIE di


Lo sai che ti hanno rubato già tutto? Che mentre una sigaretta ti fuma i polmoni le piante non smettono di produrre ossigeno? Lo sai, sì, che tu sei il cancro?

E dimmi, come ti senti?

Dopo aver imparato a gestire soldi e sentimenti, aver ceduto alla tentazione di confonderti con la massa per paura di sentirti "diverso", dopo essere salito sul carro di quelli che dicono di avere più diritti, ora, mentre punti il dito e gli slogan verso l'ultimo presunto diverso, dimmi, davvero ti senti integrato? Dopo aver comprato l'apparenza a rate e averla usata come bandiera al posto di un ideale, dopo aver smesso di scrivere lettere, quelle che si consegnavano a mano per essere conservate e aver intasato i server con storie d'amore condensate in brevi messaggi di testo corretti dal t9, dopo aver condiviso auguri preconfezionati e sensazioni copia-incolla, dimmi, davvero credi di aver lasciato nell'altro un segno? Dimmi, hai capito cos'è successo? Ti hanno dato la parola autonominandosi in questo modo suoi detentori, e tu, forte di questo diritto, l'hai stuprata usandola per zittire le minoranze e non per dar loro voce. Dopo averlo fatto, dopo averla adattata al contesto, edulcorata, sminuita, assottigliata e abbreviata, dopo averla resa propaganda popolare a buon mercato, dimmi, davvero dopo tutto questo ti senti dalla parte dell'uomo? Ti ricordi di piangere ogni tanto? E di ridere sul serio, non di sorridere stancamente, te ne ricordi? Provi ogni giorno ad essere tu stesso il sorriso di qualcuno? Ricordi che nelle lacrime non c'è vergogna, che non c'è vergogna nella consolazione, nel disagio, nel dissenso, nell'errore, nel perdono, nell'azione, nella particolarità che ti hanno detto di chiamare differenza? Te lo ricordi che fare un passo indietro non significa indietreggiare? Che inginocchiarti non fa di te un servo? Riesci a cercare la consapevolezza anche nelle piccole cose? Ricordi che il mondo ha bisogno di qualcuno che ricominci a scrivere lettere?

Ma sopratutto, risponditi onestamente, ricordi cosa vuol dire "sentire"?


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i