Cerca
  • Libereria

PASSEGGIATA POMERIDIANA di Laurent Vercken de Vreuschmen


Deprivato del mio tempo privato

Traggo sollievo nel passeggiare

Come tutti

Ma durante le ore pomeridiane

Se una collina di persone

Trascino sotto i miei piedi

Solitamente persone sole come me

Cercano il proprio tempo di colmare

Passeggiando

E un cauto incontro di prospettive

Nello scontro di rapidi sguardi

Ci avvicina solo più velocemente

Alla gravità dei corpi naturali

E una vecchia storia allora

Mi ricorda che non passeggiavo affatto

Ma che, figlio del passato, sono fermo

Bloccato in un angolo del creato

Prigioniero dello spazio dei miei problemi

Da me creati per trovare spazio per passeggiare

Laddove un altro pomeriggio

Si trasforma in tiepida sera

E io, tiepido nei miei giudizi,

Come tutti

Resto solo


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin