Cerca
  • Libereria

PASSEGGIATA POMERIDIANA di Laurent Vercken de Vreuschmen


Deprivato del mio tempo privato

Traggo sollievo nel passeggiare

Come tutti

Ma durante le ore pomeridiane

Se una collina di persone

Trascino sotto i miei piedi

Solitamente persone sole come me

Cercano il proprio tempo di colmare

Passeggiando

E un cauto incontro di prospettive

Nello scontro di rapidi sguardi

Ci avvicina solo più velocemente

Alla gravità dei corpi naturali

E una vecchia storia allora

Mi ricorda che non passeggiavo affatto

Ma che, figlio del passato, sono fermo

Bloccato in un angolo del creato

Prigioniero dello spazio dei miei problemi

Da me creati per trovare spazio per passeggiare

Laddove un altro pomeriggio

Si trasforma in tiepida sera

E io, tiepido nei miei giudizi,

Come tutti

Resto solo


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria