Cerca
  • Libereria

PASSEGGIATA POMERIDIANA di Laurent Vercken de Vreuschmen


Deprivato del mio tempo privato

Traggo sollievo nel passeggiare

Come tutti

Ma durante le ore pomeridiane

Se una collina di persone

Trascino sotto i miei piedi

Solitamente persone sole come me

Cercano il proprio tempo di colmare

Passeggiando

E un cauto incontro di prospettive

Nello scontro di rapidi sguardi

Ci avvicina solo più velocemente

Alla gravità dei corpi naturali

E una vecchia storia allora

Mi ricorda che non passeggiavo affatto

Ma che, figlio del passato, sono fermo

Bloccato in un angolo del creato

Prigioniero dello spazio dei miei problemi

Da me creati per trovare spazio per passeggiare

Laddove un altro pomeriggio

Si trasforma in tiepida sera

E io, tiepido nei miei giudizi,

Come tutti

Resto solo


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof