Cerca
  • Libereria

PASSEGGIATA POMERIDIANA di Laurent Vercken de Vreuschmen


Deprivato del mio tempo privato

Traggo sollievo nel passeggiare

Come tutti

Ma durante le ore pomeridiane

Se una collina di persone

Trascino sotto i miei piedi

Solitamente persone sole come me

Cercano il proprio tempo di colmare

Passeggiando

E un cauto incontro di prospettive

Nello scontro di rapidi sguardi

Ci avvicina solo più velocemente

Alla gravità dei corpi naturali

E una vecchia storia allora

Mi ricorda che non passeggiavo affatto

Ma che, figlio del passato, sono fermo

Bloccato in un angolo del creato

Prigioniero dello spazio dei miei problemi

Da me creati per trovare spazio per passeggiare

Laddove un altro pomeriggio

Si trasforma in tiepida sera

E io, tiepido nei miei giudizi,

Come tutti

Resto solo


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i