Cerca
  • Libereria

RICORDI D'ESTATE di Giovanni Barco


Era tornata in quella campagna dopo dieci anni. Nulla era cambiato da allora. Merito

di suo padre che l'aveva curata con tanto amore per tutto questo tempo. Fino ad oggi

che Anna, la sua unica figlia, era rientrata da Roma per le ferie di agosto. La ragazza

si addentrò nella campagna e qualcosa catturò la sua attenzione: dei fiori vicino al

muretto nei pressi della porta d'ingresso. Si avvicinò per toccarli. Li annusò. Il loro

profumo le fece tornare in mente quei giorni in cui da bambina giocava ogni estate a

raccogliere fiori qua e là per fare delle composizioni floreali a dir poco meravigliose.

E poi le mostrava ai suoi genitori, con aria di orgoglio. Si ricordò anche di quante

corsa faceva lì, nei prati, con le amiche, per vedere a chi per prima arrivava a quel

muretto dove vi erano questi fiori meravigliosi. Poi dopo il sogno riaprì gli occhi: era

tornata a casa. E quest'estate non se la sarebbe persa. Se la sarebbe goduta fino in

fondo. Con la sua famiglia e coi suoi fiori.


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin