Cerca
  • Libereria

MADRE NERA di Doria Tacchia


Madre Nera appoggia su di me le tue mani

pesanti, forti e calde. Io non ho paura ora che non ho parole per colorare questa tela. Stendo il mio corpo dentro all'Universo

che ce la fa a contenermi. Vorrei raccontare di quando la mia penna scriveva

tinta d'inchiostro e sangue,

ma non ricordo più il senso di tutto ciò. Madre Nera, io non ho paura di camminarti accanto,

come la notte viene e va senza che più me lo aspetti,

anche Tu ora come me appartieni al tutto e al niente

e di questo condividere mi rallegro...

Madre Nera,

ti ho trovata e ritrovata tante volte in questo mio peregrinare,

di giorno in giorno, di notte in notte...

e non ho inchiostro ora per dirti che a volte mi manchi,

proprio quando ti ho accanto.


24 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria