Cerca
  • Libereria

MADRE NERA di Doria Tacchia


Madre Nera appoggia su di me le tue mani

pesanti, forti e calde. Io non ho paura ora che non ho parole per colorare questa tela. Stendo il mio corpo dentro all'Universo

che ce la fa a contenermi. Vorrei raccontare di quando la mia penna scriveva

tinta d'inchiostro e sangue,

ma non ricordo più il senso di tutto ciò. Madre Nera, io non ho paura di camminarti accanto,

come la notte viene e va senza che più me lo aspetti,

anche Tu ora come me appartieni al tutto e al niente

e di questo condividere mi rallegro...

Madre Nera,

ti ho trovata e ritrovata tante volte in questo mio peregrinare,

di giorno in giorno, di notte in notte...

e non ho inchiostro ora per dirti che a volte mi manchi,

proprio quando ti ho accanto.


25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e