Cerca
  • Libereria

ALBERI INQUIETI di Gianluigi Giussani


Grandi e piccoli manovali

della piana del mondo.

Coscienti di distruggere.

Orgogliosi di creare

improvvise apparizioni.

Riflessi di vetri illuminati.

E questo nostro incedere lento

non è che un grande quadro in movimento.

Il nervosismo che oscilla leggero,

nei nostri credo,

nei nostri isolotti comunicanti.

A voi riesce facile

non piangervi davanti.

Mentre noi sentiamo quel bisogno di rivalsa.

Di una sincerità malata

che non passa.

Navighiamo sorde sirene

da più di duemila anni.

Sorvoliamo angoli remoti

di antichi segni.

Voci, pensieri, baci, sentimenti.

Saluti

da questi alberi inquieti.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st