Cerca
  • Libereria

ALBERI INQUIETI di Gianluigi Giussani


Grandi e piccoli manovali

della piana del mondo.

Coscienti di distruggere.

Orgogliosi di creare

improvvise apparizioni.

Riflessi di vetri illuminati.

E questo nostro incedere lento

non è che un grande quadro in movimento.

Il nervosismo che oscilla leggero,

nei nostri credo,

nei nostri isolotti comunicanti.

A voi riesce facile

non piangervi davanti.

Mentre noi sentiamo quel bisogno di rivalsa.

Di una sincerità malata

che non passa.

Navighiamo sorde sirene

da più di duemila anni.

Sorvoliamo angoli remoti

di antichi segni.

Voci, pensieri, baci, sentimenti.

Saluti

da questi alberi inquieti.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria