Cerca
  • Libereria

MEA CRUX di René Canetti


Lontano dalle ragioni del cuore l'invidia, le passioni... Sono il diavolo e trascino l'anime per l'inferno! Quando le tue mani dovessero cercare nelle tasche di una vita non tua, d'una cosa sarai certo... Anche quella, come la tua, sapresti rovinare. La tristezza nella pace non ha ragion di stare, nei sorrisi ch'estorci ad altri ti seguirebbe la mia condanna; Ah! Il paradiso... Che diviene nuovo inferno. Nella sofferenza potresti veder fantasmi e carceri buie, tanto insospettata l'impurità nel cuore tuo affranto. Silenzio di sgomento e pianti di tormento; questo prescrive Dio al tuo momento... Impara da ciò che sei, confessa ciò che hai fatto; metti in spalla quella croce e accetta i chiodi che portan il tuo nome. Se dalle nuvole volevi spiare la felicità, issato su di un palo vedrai meglio la tua la fine che farà. Negare il tuo Dio e pretendere di sapere chi son Io... Forse nulla hai imparato. La libertà non è fervida fantasia né effimera frenesia; la vita può esser una e solo tu potevi buttarla via.


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st