Cerca
  • Libereria

MEA CRUX di René Canetti


Lontano dalle ragioni del cuore l'invidia, le passioni... Sono il diavolo e trascino l'anime per l'inferno! Quando le tue mani dovessero cercare nelle tasche di una vita non tua, d'una cosa sarai certo... Anche quella, come la tua, sapresti rovinare. La tristezza nella pace non ha ragion di stare, nei sorrisi ch'estorci ad altri ti seguirebbe la mia condanna; Ah! Il paradiso... Che diviene nuovo inferno. Nella sofferenza potresti veder fantasmi e carceri buie, tanto insospettata l'impurità nel cuore tuo affranto. Silenzio di sgomento e pianti di tormento; questo prescrive Dio al tuo momento... Impara da ciò che sei, confessa ciò che hai fatto; metti in spalla quella croce e accetta i chiodi che portan il tuo nome. Se dalle nuvole volevi spiare la felicità, issato su di un palo vedrai meglio la tua la fine che farà. Negare il tuo Dio e pretendere di sapere chi son Io... Forse nulla hai imparato. La libertà non è fervida fantasia né effimera frenesia; la vita può esser una e solo tu potevi buttarla via.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof