Cerca
  • Libereria

TRASLOCO di Doria Tacchia


Ogni pensiero che mi attraversa non è più la stessa cosa.

Quando scrivere del mio sentire mi pareva una trappola liberatoria...

Ora non so cosa mi sfugge, sembra scontato o già espresso e vissuto.

Eppure mi sento incompleta: derubata?

Il mio mondo di luoghi e volti ha cambiato residenza?

Il mio navigatore interiore non trova la posizione?

È inquietante per me pensare di essermi persa da tempo, quando credevo a bugie per dar spazio a

romantiche illusioni... follia davvero!

E ancora son qua che nego a me stessa i ricordi, la storia e la mia presenza, sotto un cielo assente che si

confonde in un altro cielo che non conosco.

Sdraiata sul suolo ancora tiepido di questa stanza che mi contiene, senza che nulla del Nulla interrompa il

silenzio di questa mia melodia, aggiungo un nuovo indirizzo a cui recarmi.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof