Cerca
  • Libereria

TRASLOCO di Doria Tacchia


Ogni pensiero che mi attraversa non è più la stessa cosa.

Quando scrivere del mio sentire mi pareva una trappola liberatoria...

Ora non so cosa mi sfugge, sembra scontato o già espresso e vissuto.

Eppure mi sento incompleta: derubata?

Il mio mondo di luoghi e volti ha cambiato residenza?

Il mio navigatore interiore non trova la posizione?

È inquietante per me pensare di essermi persa da tempo, quando credevo a bugie per dar spazio a

romantiche illusioni... follia davvero!

E ancora son qua che nego a me stessa i ricordi, la storia e la mia presenza, sotto un cielo assente che si

confonde in un altro cielo che non conosco.

Sdraiata sul suolo ancora tiepido di questa stanza che mi contiene, senza che nulla del Nulla interrompa il

silenzio di questa mia melodia, aggiungo un nuovo indirizzo a cui recarmi.


16 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria