Cerca
  • Libereria

COLPO IN CANNA di Alessandra Bloise Diana


Rimangono chiuse.

Taciturne.

Spietate impronte

Feroci echi vaneggianti

Crudeli reminiscenze

Sadici boati dalle orme troppo fresche.

Le ripercorro

Ma nulla posso

Perché non salgono.

Mi lasciano nascosta,

assente, scomparsa.

Sono scomparsa perché sono muta.

Sono viva perché vomito pezzi d’anima

(perché) violo – finalmente –

La verginità inutle

Del silenzio contenuto

Nel candore bianco del foglio.


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof