Cerca
  • Libereria

L'UOMO DI FUOCO di Valentino Picchi "Hechìzo"


Nella stanza nera del mondo egli si leva, uomo di fuoco, la parola si accende e madre di vampa i figli verbali. Parola si infiamma e non si consuma, miele di luce, dolcezza dell'alba illumina i tetti. Ma è nella stanza nera del mondo ove il demiurgo operoso riscrive il canto di un secolo spento, mentre passa il circo sotto la finestra coi gai saltimbanchi del vocabolario. Nella stanza nera del mondo l'uomo di fuoco riscrive il verso, cancella e riscrive, getta via il foglio e riprova. Sorella puntuale è la notte dove la storia sogna se stessa, ma nella stanza nera del mondo resta una luce accesa e una parola che non si consuma, somiglia a "futuro", è l'uomo di fuoco mai stanco Che cerca il suo verso.


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof