Cerca
  • Libereria

L'UOMO DI FUOCO di Valentino Picchi "Hechìzo"


Nella stanza nera del mondo egli si leva, uomo di fuoco, la parola si accende e madre di vampa i figli verbali. Parola si infiamma e non si consuma, miele di luce, dolcezza dell'alba illumina i tetti. Ma è nella stanza nera del mondo ove il demiurgo operoso riscrive il canto di un secolo spento, mentre passa il circo sotto la finestra coi gai saltimbanchi del vocabolario. Nella stanza nera del mondo l'uomo di fuoco riscrive il verso, cancella e riscrive, getta via il foglio e riprova. Sorella puntuale è la notte dove la storia sogna se stessa, ma nella stanza nera del mondo resta una luce accesa e una parola che non si consuma, somiglia a "futuro", è l'uomo di fuoco mai stanco Che cerca il suo verso.


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin