Cerca
  • Libereria

RICORDI ANTICHI di Patrizia Umilio


Giungono parole alla vigile coscienza, voci lontane smorzate dal tumulto del tempo.

Le luci che si stanno accendendo sul cammino, come lampioni ad olio dei tempi remoti,

fluttuano lievi sulle strade buie della memoria.

Lente le notti si squarciano per liberare quelle mute stelle che giacciono sonnolente nella

cupa profondità dell’Anima.

Emergono quelle nuove scintille di Vita sepolte per secoli nelle increspature dell’oblio.

Esplodono silenziose nel rumore assordante del pensiero, si sovrappongono al fluire di

convinzioni assurde per emergere, lucenti e improvvise, sulla soglia della tua integrità.


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof