Cerca
  • Libereria

RICORDI ANTICHI di Patrizia Umilio


Giungono parole alla vigile coscienza, voci lontane smorzate dal tumulto del tempo.

Le luci che si stanno accendendo sul cammino, come lampioni ad olio dei tempi remoti,

fluttuano lievi sulle strade buie della memoria.

Lente le notti si squarciano per liberare quelle mute stelle che giacciono sonnolente nella

cupa profondità dell’Anima.

Emergono quelle nuove scintille di Vita sepolte per secoli nelle increspature dell’oblio.

Esplodono silenziose nel rumore assordante del pensiero, si sovrappongono al fluire di

convinzioni assurde per emergere, lucenti e improvvise, sulla soglia della tua integrità.


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st