Cerca
  • Libereria

VISIONI di Luigi Costantino


Ho preso carta e penna

ho cercato la canzone giusta

solo piano, nessuna voce

la stanza ha preso la tua forma

i tuoi capelli mi hanno sommerso

come in una danza

e poi i tuoi occhi hanno iniziato

a mostrarmi tutto quello

che volevo vedere da sempre

e mi sono sentito un musicista

artista che nessuno conosce

crea dietro le quinte

l'irripetibile melodia

di un amore che non sa di esistere

alimentato da una fiducia cieca

e da mille visioni.

Una di queste visioni

ha le stesse mani

lo stesso anello

e lo stesso tuo sguardo.


17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin