Cerca
  • Libereria

INDIVISIBILI di Marco Domenico Grastolla


Troppo tempo

ci han separato,

già questi miei due versi portano

il nostro nome,

tanta è la nostra reciproca

dipendenza.

Se faccio un passo

tu rallenti,

scorri in fretta quando

mi blocco ad osservarti.

Tanti innamorati ti hanno odiato

per il loro percepirti fuggevole

quando io li tenevo incollati,

e gli stessi ti hanno odiato ancor di più

quando io separavo

a grandi distanze

quei cuori ardenti come i nostri;

che tanto di te è passato

prima che capissero e accettassero

la nostra relazione.

Abbiamo amoreggiato di

contrabbando per molto,

moltissimo, alle

spalle delle più brillanti menti.

Ma ora finalmente siamo qui,

sotto gli occhi di tutti:

ora riconoscono il nostro amore

come una legge naturale.

Ora sanno che io cambio con te e

tu sei influenzato da me:

perché tu sei tempo

e io son spazio.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin