Cerca
  • Libereria

INDIVISIBILI di Marco Domenico Grastolla


Troppo tempo

ci han separato,

già questi miei due versi portano

il nostro nome,

tanta è la nostra reciproca

dipendenza.

Se faccio un passo

tu rallenti,

scorri in fretta quando

mi blocco ad osservarti.

Tanti innamorati ti hanno odiato

per il loro percepirti fuggevole

quando io li tenevo incollati,

e gli stessi ti hanno odiato ancor di più

quando io separavo

a grandi distanze

quei cuori ardenti come i nostri;

che tanto di te è passato

prima che capissero e accettassero

la nostra relazione.

Abbiamo amoreggiato di

contrabbando per molto,

moltissimo, alle

spalle delle più brillanti menti.

Ma ora finalmente siamo qui,

sotto gli occhi di tutti:

ora riconoscono il nostro amore

come una legge naturale.

Ora sanno che io cambio con te e

tu sei influenzato da me:

perché tu sei tempo

e io son spazio.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof