Cerca
  • Libereria

L'ATTENZIONE NON SI PRESTA di Gianluca Sonnessa


Io sono uno che conta, fino a dieci prima di parlare, anche se consigliano di non farlo.

Mi chiamano italiano solo perché, per puro caso, sono nato su questa striscia di terra a sua volta chiamata Italia.

Dicono che valgo più degli altri, che arrivo prima degli ultimi, addirittura che questa loro visione dovrei chiamarla "libertà".

Dicono di volermi salvare, e pretendono di farmelo credere usando brevi messaggi di testo corretti dal t9 e da un gruppo scelto di comunicattori.

La parola usata come slogan non diventa slogan, viene solo banalizzata e, per la massa non pensante, perde il suo peso originale.

Dicono che questa non è una poesia, ma qui non mentono, questa è solo una riflessione che poi ha portato a rami e foglie, e tra le righe cerca il frutto.

È in questo processo rivedo la Poesia.

Non spetta forse a tutti il respiro?

Non merita un albero la nostra esistenza?

Davvero siamo nati per crederci superiori e ingiustamente attaccabili perché usiamo la pelle come scudo?

La brezza può diventare bufera, non bisogna mai scordarlo.

Per questo rispetto anche il soffio più lieve, per questo affronto le raffiche che scoperchiano i tetti delle teste più vecchie senza indietreggiare di un passo.

Perché la bufera serve tanto quanto il singolo soffio, ma i creattori non percepiscono la dignità nascosta della distruzione, l'enorme possibilità che porta portando via tutto ciò che autoproclamati salvattori hanno stabilito prima dell'ennesima foto.

E lo riscrivo per sicurezza, questa non è una poesia, ma una raffica di vento che racconta le raffiche di un mitra pieno di sabbia e tacche e dice che due lembi di pelle fondendosi per formare la cicatrice diventano più duri della pelle vergine.

Perché dolore innesca il processo che porta al cambiamento.

L'agio no.

Basta un solo soffio per fermare la bufera.

Basta una sola lettera per stravolgere il senso.

Ma forse non siamo prigionieri senza via di fuga, siamo solo troppo distanti.

Troppo "distratti" .

Perché qui, la doppia, era giusta.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st