Cerca
  • Libereria

MADRE di Maria Villani


Madre tenera, vulcano attivo

ricolmo di dolcezza.

Occhi di smeraldo,

e sorrisi di sole accennato.

Venere mattutina

in un'alba primaverile.

Stammi vicina,

come quando...

Ricordi?

Mi insegnavi la storia,

ostacolo per me,

inquieta di parole

ancora lontane.

Madre dolce,

abbracciamoci, stasera,

si diradano

le ombre della notte!


6 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria