Cerca
  • Libereria

IMMAGINAZIONE di Majlinda Petraj


Immaginate la scena...

Una madre

un bimbo piccolo.

Un passeggino

un parco grande.

La mamma si prende

piccoli attimi di libertà.

Relax.

Il bimbo lo avverte tutto questo.

Si guarda intorno.

Si sente improvvisamente... solo.

In preda al panico

comincia a rimuginare dentro

e nella piccola mente, chiedersi:

"ma, mi vuole bene la mamma?"

La mamma ammira gli alberi

il cielo azzurro

il canto degli uccelli.

A occhi chiusi.

A vedere dentro.

Il bimbo è preoccupato

l'indifferenza è qualcosa che non sa gestire

che non riesce ad assimilare

a definire.

Si sente abbandonato

e lancia un urlo di disperazione.

Alza la voce più che può.

Con gli occhi fissi verso la mamma...

Che fa? Si alza?

La mamma abbandona i sogni.

Si guarda intorno

terrorizzata al pensiero sfiorato...

Cos'è successo?

Dimentica tutto di sé

si alza di scatto

corre dal bimbo

Lo prende

lo avvolge caldamente

nel suo petto!

Canticchia....

Gli occhi furbi del bimbo

sembra che dicono "sei mia!".

Ecco...

Io vorrei

che nei miei momenti di solitudine

quando lotto con i sensi dell'abbandono,

qualcuno

con la premura di una madre

lasci se stesso

e mi avvolga

nel suo petto!!!


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo