Cerca
  • Libereria

IMMAGINAZIONE di Majlinda Petraj


Immaginate la scena...

Una madre

un bimbo piccolo.

Un passeggino

un parco grande.

La mamma si prende

piccoli attimi di libertà.

Relax.

Il bimbo lo avverte tutto questo.

Si guarda intorno.

Si sente improvvisamente... solo.

In preda al panico

comincia a rimuginare dentro

e nella piccola mente, chiedersi:

"ma, mi vuole bene la mamma?"

La mamma ammira gli alberi

il cielo azzurro

il canto degli uccelli.

A occhi chiusi.

A vedere dentro.

Il bimbo è preoccupato

l'indifferenza è qualcosa che non sa gestire

che non riesce ad assimilare

a definire.

Si sente abbandonato

e lancia un urlo di disperazione.

Alza la voce più che può.

Con gli occhi fissi verso la mamma...

Che fa? Si alza?

La mamma abbandona i sogni.

Si guarda intorno

terrorizzata al pensiero sfiorato...

Cos'è successo?

Dimentica tutto di sé

si alza di scatto

corre dal bimbo

Lo prende

lo avvolge caldamente

nel suo petto!

Canticchia....

Gli occhi furbi del bimbo

sembra che dicono "sei mia!".

Ecco...

Io vorrei

che nei miei momenti di solitudine

quando lotto con i sensi dell'abbandono,

qualcuno

con la premura di una madre

lasci se stesso

e mi avvolga

nel suo petto!!!


4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria