Cerca
  • Libereria

MENZOGNA DIGITALE di Marco Domenico Grastolla


Si avvia sempre allo stesso modo

lei,

quella penna carica a inchiostro

e presunzione.

Scorre tra il bianco

con la pretesa di far poesia,

danza tra il bianco

con la pretesa di far l’amore

con le muse.

Oggi però mi si ribella

e proprio adesso

mi si rivolta contro indicandomi

con la punta:

“Io son materia al servizio

di chiunque, ben mi cedo

anche al non dotto,

ma sempre vorrei esplodere

tra le mani

di un bugiardo corrotto:

di un poeta!”

Devo averla fatta grossa

alla mia più cara amica,

ha ragione da vendere,

non va offesa mica.

“Non è con la rima banale

che faremo la pace,

qui finisce male:

visto? Anch’io ne son capace.”

E come rimediare

nei versi che vengono ora?

Come spremere le scuse

più sincere e meravigliose

all’ispirazione,

che adesso

mi vuol paralizzato

da una colpa che non dà scampo,

che non dà fiato?

“Che ne dici di cominciare

dicendo la verità?

Che non mi hai nemmeno sfiorata

per realizzare questi versi qua?”


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof