Cerca
  • Libereria

NOTTE IN SCATOLA di Valentino Picchi "Hechìzo"


Notte favola Notte che s'arrampica Nera come mai Nera come gli occhi tuoi. Fase critica Karma che s'arrotola Dice ancora no Dice quello che non so. E non è il vento Ma mi duole il canto Perché ogni demone Piange il suo santo, E soffia il suono Di un dolore nuovo. Notte stupida Notte che moltiplica Fredda come mai Fredda come gli occhi tuoi. Carne in scatola Frase che s'appiccica Parla come me Parla quello che non è. Non è il mio tempo Ma si stringe il campo Perché ogni nuvola Piange il suo lampo E soffia il suono Di un colore nuovo.


25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof