Cerca
  • Libereria

PENSIERO di Alessandra Bloise Diana


Soffocato dal cuscino dell’ordinario

si avvelena con gocce di normalità

fino a crederlo, felice.

Ma poi, la necessità di respirare

è più grande di quella di esserci

e l’urlo

come tappo di sughero a festa

esplode.

Salta in aria.

Raggiunge l’alto,

il cielo leggero,

e danza estasiato con onde spumose

e ancora crea spuma,

spuma di fragile intelletto,

spuma dalla bocca grande

e così si ritorna giù

dopo estasi di infinitezza

e giù

rimane la spuma del cielo

con occhi appannati di grandezza

... Prende di nuovo il cuscino

e

ingoia ancora veleno.

Tutto ciò è mancanza dell’infinito

dannato in eterno, mio pensiero.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st