Cerca
  • Libereria

PENSIERO di Alessandra Bloise Diana


Soffocato dal cuscino dell’ordinario

si avvelena con gocce di normalità

fino a crederlo, felice.

Ma poi, la necessità di respirare

è più grande di quella di esserci

e l’urlo

come tappo di sughero a festa

esplode.

Salta in aria.

Raggiunge l’alto,

il cielo leggero,

e danza estasiato con onde spumose

e ancora crea spuma,

spuma di fragile intelletto,

spuma dalla bocca grande

e così si ritorna giù

dopo estasi di infinitezza

e giù

rimane la spuma del cielo

con occhi appannati di grandezza

... Prende di nuovo il cuscino

e

ingoia ancora veleno.

Tutto ciò è mancanza dell’infinito

dannato in eterno, mio pensiero.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin