Cerca
  • Libereria

PENSIERO di Alessandra Bloise Diana


Soffocato dal cuscino dell’ordinario

si avvelena con gocce di normalità

fino a crederlo, felice.

Ma poi, la necessità di respirare

è più grande di quella di esserci

e l’urlo

come tappo di sughero a festa

esplode.

Salta in aria.

Raggiunge l’alto,

il cielo leggero,

e danza estasiato con onde spumose

e ancora crea spuma,

spuma di fragile intelletto,

spuma dalla bocca grande

e così si ritorna giù

dopo estasi di infinitezza

e giù

rimane la spuma del cielo

con occhi appannati di grandezza

... Prende di nuovo il cuscino

e

ingoia ancora veleno.

Tutto ciò è mancanza dell’infinito

dannato in eterno, mio pensiero.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i