Cerca
  • Libereria

PREFERIREI... di Doria Tacchia


Preferirei i ricordi...

quelli inventati, di ampie e verdi distese,

di un tiepido vento che canta le note più belle,

dei ciottoli che rimbalzano sul torrente che scorre sotto i miei piedi.

Preferirei l’odore del bosco e il colore del cielo terso.

Quei ricordi che ora ho scordato tra il sudore dei miei pensieri confusi e pesanti.

Sì, preferirei vivere per caso,

senza lancette a scandire il tempo,

senza l’impegno di doverlo fare,

senza i limiti che mi appartengono.

Preferirei essere foglia,

che cambiando colore si stacca dal ramo e che il vento trasporta,

volteggia, e alla fine s’appoggia.

Ci sono parole che non so più riconoscere,

che non mi va di pronunciare,

che forse son rotolate lungo percorsi senza lanterne,

sorelle di ombre che danzano eterne.

Ci sono momenti come questi, che anche i ricordi non sanno tornare.

E mi dispiaccio per questo e mi sento impotente,

mi sento lontana da ieri e da ora,

mi sento in un mondo che seppur m’appartiene,

mi schiaccia mi opprime, mi ruba l’istante.


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria