Cerca
  • Libereria

PREFERIREI... di Doria Tacchia


Preferirei i ricordi...

quelli inventati, di ampie e verdi distese,

di un tiepido vento che canta le note più belle,

dei ciottoli che rimbalzano sul torrente che scorre sotto i miei piedi.

Preferirei l’odore del bosco e il colore del cielo terso.

Quei ricordi che ora ho scordato tra il sudore dei miei pensieri confusi e pesanti.

Sì, preferirei vivere per caso,

senza lancette a scandire il tempo,

senza l’impegno di doverlo fare,

senza i limiti che mi appartengono.

Preferirei essere foglia,

che cambiando colore si stacca dal ramo e che il vento trasporta,

volteggia, e alla fine s’appoggia.

Ci sono parole che non so più riconoscere,

che non mi va di pronunciare,

che forse son rotolate lungo percorsi senza lanterne,

sorelle di ombre che danzano eterne.

Ci sono momenti come questi, che anche i ricordi non sanno tornare.

E mi dispiaccio per questo e mi sento impotente,

mi sento lontana da ieri e da ora,

mi sento in un mondo che seppur m’appartiene,

mi schiaccia mi opprime, mi ruba l’istante.


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin