Cerca
  • Libereria

PREFERIREI... di Doria Tacchia


Preferirei i ricordi...

quelli inventati, di ampie e verdi distese,

di un tiepido vento che canta le note più belle,

dei ciottoli che rimbalzano sul torrente che scorre sotto i miei piedi.

Preferirei l’odore del bosco e il colore del cielo terso.

Quei ricordi che ora ho scordato tra il sudore dei miei pensieri confusi e pesanti.

Sì, preferirei vivere per caso,

senza lancette a scandire il tempo,

senza l’impegno di doverlo fare,

senza i limiti che mi appartengono.

Preferirei essere foglia,

che cambiando colore si stacca dal ramo e che il vento trasporta,

volteggia, e alla fine s’appoggia.

Ci sono parole che non so più riconoscere,

che non mi va di pronunciare,

che forse son rotolate lungo percorsi senza lanterne,

sorelle di ombre che danzano eterne.

Ci sono momenti come questi, che anche i ricordi non sanno tornare.

E mi dispiaccio per questo e mi sento impotente,

mi sento lontana da ieri e da ora,

mi sento in un mondo che seppur m’appartiene,

mi schiaccia mi opprime, mi ruba l’istante.


16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st