Cerca
  • Libereria

PREFERIREI... di Doria Tacchia


Preferirei i ricordi...

quelli inventati, di ampie e verdi distese,

di un tiepido vento che canta le note più belle,

dei ciottoli che rimbalzano sul torrente che scorre sotto i miei piedi.

Preferirei l’odore del bosco e il colore del cielo terso.

Quei ricordi che ora ho scordato tra il sudore dei miei pensieri confusi e pesanti.

Sì, preferirei vivere per caso,

senza lancette a scandire il tempo,

senza l’impegno di doverlo fare,

senza i limiti che mi appartengono.

Preferirei essere foglia,

che cambiando colore si stacca dal ramo e che il vento trasporta,

volteggia, e alla fine s’appoggia.

Ci sono parole che non so più riconoscere,

che non mi va di pronunciare,

che forse son rotolate lungo percorsi senza lanterne,

sorelle di ombre che danzano eterne.

Ci sono momenti come questi, che anche i ricordi non sanno tornare.

E mi dispiaccio per questo e mi sento impotente,

mi sento lontana da ieri e da ora,

mi sento in un mondo che seppur m’appartiene,

mi schiaccia mi opprime, mi ruba l’istante.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof