Cerca
  • Libereria

ANIMALEDETTO di Valentino Picchi “Hechìzo”


Mi penso nudo

e mi faccio schifo,

ci son due oche

qua qua qua che fanno il tifo.

Mi penso buono

i rimpianti in mano,

c'è un coccodrillo

già con le lacrime invano.

Mi penso vero

o almeno credo,

ci son tre scimmie

che non sento, parlo, vedo.

Mi penso bravo

o almeno in grado

con l'asino

legato dove vuole il capo.

Mi penso matto

e mi piaccio molto,

l'unico cane

che mi segue è quello sciolto.

Mi penso adulto

e mi sento grande,

ho un elefante

che ricorda le domande.

Mi penso salvo

mi hanno avvisato,

la capra mangia

i cavoli che ho coltivato.

Mi penso uomo

e ringrazio Dio,

grazie al cavallo

che ha la febbre al posto mio.

Mi penso estraneo

un corpo alieno,

sono la serpe

che scorazza sul tuo seno.

Mi penso ingordo

tra il pane e il vino,

la gatta al lardo

ha ritrovato lo zampino.


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof