Cerca
  • Libereria

ANIMALEDETTO di Valentino Picchi “Hechìzo”


Mi penso nudo

e mi faccio schifo,

ci son due oche

qua qua qua che fanno il tifo.

Mi penso buono

i rimpianti in mano,

c'è un coccodrillo

già con le lacrime invano.

Mi penso vero

o almeno credo,

ci son tre scimmie

che non sento, parlo, vedo.

Mi penso bravo

o almeno in grado

con l'asino

legato dove vuole il capo.

Mi penso matto

e mi piaccio molto,

l'unico cane

che mi segue è quello sciolto.

Mi penso adulto

e mi sento grande,

ho un elefante

che ricorda le domande.

Mi penso salvo

mi hanno avvisato,

la capra mangia

i cavoli che ho coltivato.

Mi penso uomo

e ringrazio Dio,

grazie al cavallo

che ha la febbre al posto mio.

Mi penso estraneo

un corpo alieno,

sono la serpe

che scorazza sul tuo seno.

Mi penso ingordo

tra il pane e il vino,

la gatta al lardo

ha ritrovato lo zampino.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr