top of page
Cerca
  • Libereria

ERI TU LA MIA POESIA di Patrizia Bortolini


Eri tu la mia poesia

mi parlavi la notte

ti ascoltavo di giorno

vestiva la fantasia

i nostri desideri

eravamo noi

nel buio del mare

con scie di barche

a guardare le stelle

distanti le mani

abbracciati i pensieri

persi lontano

come nei sogni

i nostri nomi

sussurrati dal vento

naufragati infine

tra oscure onde


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page