Cerca
  • Libereria

ERI TU LA MIA POESIA di Patrizia Bortolini


Eri tu la mia poesia

mi parlavi la notte

ti ascoltavo di giorno

vestiva la fantasia

i nostri desideri

eravamo noi

nel buio del mare

con scie di barche

a guardare le stelle

distanti le mani

abbracciati i pensieri

persi lontano

come nei sogni

i nostri nomi

sussurrati dal vento

naufragati infine

tra oscure onde


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof