Cerca
  • Libereria

IL DOLCE M'È NULLA di Doria Tacchia


Chiedo a Voi Pirati di riconoscere le mie mani su queste parole,

alle quali nemmeno io so d'appartenere.

Da questa riva del fiume impetuoso

dove diventa gioco il rischio e il limite mio ora non conosco,

dalla cima di un albero spoglio,

aspetto il mutare delle mie stagioni,

e nelle cadute mi accoglie la terra ora ancora fredda.

Ma vabbè ci si rialza al gocciolio ritmico di questo cielo d'inverno, e raccolgo i capelli bagnati che c'ho da far una treccia che si unisca a quel ponte, dove raggiungere chissà quali mete.

E chiedo a Voi Poeti: chi sono? Son io? Sei tu?

Siamo Noi a divider la barca, a giocare ai pirati con penne d'inchiostro, che tingono animi, corpi e pensieri, così, come se fosse ancor ieri, che nella cesta ti culla, ti abbraccia e sorride il calore avvolgente del Dolce Nulla!


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st