Cerca
  • Libereria

IL REGNO di Alessandro Mazzà


Sarò forte

col debole in me

sempre nuovo inventore

per il principio accogliente

che in me

dolente e grato

riconosco

e sarò debole

col forte in me

portatore di pace

che fa testo e tesoro

da ciò che è dono

e che è visione

e sarà bellezza contenuta

ciò che è forte ed è invadenza

e sarà bellezza continente

ciò che è debole ed è abbraccio

e sarò rivoltoso maschio

con la lucente femmina in me

che mi cerca

e sarò risposta femmina

per il combattente maschio in me

che mi elegge

sarò nato

e sarò forte coi deboli e debole coi forti

in un finto fuori di me

che è la somma del sommo delle umanità

delle volontà

di comunicazione

di ricerca possibile

di ricerca comune

nasce così

in ogni nuovo nato me

speranzoso per ogni te

il veicolo spaziale e temporale

con a bordo tutti

i beati poveri di spirito

i felici nell’avanzare affamati

i riconoscenti nel riconoscersi

i desiderosi di avere e di essere

parola

perché di essi è il regno

non di questo mondo

perché di essi è il regno

lo è già


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i