Cerca
  • Libereria

LA STORIA DEI PIRATI BUONI di Luigi Costantino


Ecco questi versi inediti

nell'inedita mia voglia

di cantare a parole

la storia dei pirati buoni

che vogliono cambiare il mondo

a colpi d'ascia poetica

ecco subito giungere

il capitano

con la sua fedele sognatrice

colei che ha inventato l'amore

nel sud della sua terra interiore

ed eccola, l'altra poetessa

con la sua dolce barcollante

tristezza allegra

guarda, arrivano gli altri

piano piano

incalliti creatori della rivoluzione

in quanti sono

in quanti siamo?

Non ci è dato saperlo

ma sappiamo bene

che sono tutti belli

e incazzati come gli eroi

niente è comune

nel cuore di questi uomini

niente è banale

nel sangue di queste donne

nelle idee di questi guerrieri

che uccidono la morte

ogni giorno

con la punta affilata

di una penna

ed eccomi finalmente anch'io

un po' in affanno

con la mia fedele speranza

felice di esserci

e di diffondere parole spray

come ventate d'aria fresca

sul viso dei passanti

che ancora si chiedono

com'è possibile

com'è possibile

che al mondo esista ancora

così tanta bellezza


16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof