Cerca
  • Libereria

MELOGRANO di Monica Ferrara


Questo tramonto è un'albicocca

e fa paura

è mia nonna

che in primavera diventa

ciliegia e nespola taciturna, dice

esprimi il desiderio per la prima della stagione

d'estate saranno i fichi e le pesche

a farci scordare la morte

e in inverno sempre lo stesso melograno

non ancora maturo

Questo tramonto

è incendio

una sigaretta finita troppo in fretta

la paura che lei muoia e io le abbia solo fatto del male

Ho finito il pennarello arancione

sono rimasti solo Riopan già aperti

e io non so ancora vomitare

a vent'anni

non so ancora volerle bene

cerco ancora un colpevole

da accusare

non volevo vedere la morte così giovane

non ho nemmeno raggiunto il metro e sessanta

e ho ancora paura delle farfalle

Io non volevo essere cattiva come mio padre

ma a vent'anni

io non so ancora trattenere

Questo arancione

è difficile come Bassai sho

e io resto ancora un piccolo magikarp

Ma questo tramonto

è sempre lo stesso melograno

non ancora maturo

Non è ancora tempo

tramonto resta qui

finché non imparo a vomitare


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof