Cerca
  • Libereria

STANNO TUTTI BENE di Marco Zanni


In questo momento della mia vita stanno tutti bene.

Un equilibrio mai visto da prima che nascessi tiene insieme tese come tendini le connessioni della mia

famiglia.

Sta bene mia madre che dopo quarant’anni è tornata ad esser moglie per curare suo marito. Sta bene mio

padre che alla fine è guarito. Sta bene Emir che dorme ancora con la foto di Martina appoggiata al

comodino. Sta bene il suo bambino che vuole diventare un calciatore e passare la sua vita a giocare col

pallone. Sta bene anche il cane che solo quest’estate camminava a malapena.

Stanno bene, tutti bene.

Ho deciso di partire.

Attraversare la frontiera il mese di gennaio non è una buona idea, adesso lo so, forse un po’ in ritardo ma la

guerra è ora e non aspetta primavere.

Come spesso accade in questi anni disgraziati, le notizie non tengono il ritmo degli eventi e al mio arrivo in

città sono già scappati tutti.

Incrocio solo un vecchio silenzioso seduto all’angolo di strada e parliamo: - Sei arrivato troppo tardi. Sono

già partiti tutti. L’ultima nave sta salpando. Il nemico sta sfondando, trapassando Nova Goriça.

Provo a correre in fondo alla strada ma la nave è già lontana. Appoggio le spalle al muro, scivolo con la testa

tra le mani. Esplosioni ad ovest. Il nemico è dietro l’angolo.

Torno dal mio vecchio, mi siedo accanto a lui, gli chiedo da mangiare.

Il cibo da sempre unisce ed inizio a raccontare: - Il primo crac è stato alla vigilia. Ho sentito di dover

difendere la mia famiglia. Ho moglie e figli in questo posto e son partito per portarli via prima dell’arrivo

della guerra. Ma sono arrivato ancora tardi. Sono arrivato sempre tardi. Ma quando son tornato a casa ero

più grande.

Prende un pezzo di formaggio conservato sotto la sedia, srotola il fazzoletto che lo avvolge e lo stende sulle

gambe. Lascia scattare la lama silenziosa di un coltello e in silenzio ne taglia un pezzo e lo porta alla bocca.

Adesso che siamo seduti insieme, a mangiare in questo posto abbandonato, tutto è diventato più tranquillo.

Mi allunga il secondo pezzo di formaggio,con calma tutto quel che ancora ha. Gli offro la mia storia, tutto

quel che ancora ho.

- Mio nonno mi diceva che finché non lo perdi non capisci mai quant’è grande quel che hai. Ma niente è

ancora perso. Ho una mamma ed un papà. Un fratello mollato dalla moglie e un nipote calciatore. Una

moglie e un figlio in fuga dalla guerra. Ho anche un cane. Stanno tutti bene.


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin