Cerca
  • Libereria

PENSATORE di Marco Domenico Grastolla


A caccia di lampi

di genio o di follia,

con l'animo sempre

almeno doppio e

frainteso.

Ma che importa!

Col cervello liscio

tra le maschere sociali,

con valli e monti su terre

eteree: certo nebulose,

non meno reali.

Ma a chi importa!

Parla a nessuno e

pensa per tutti,

con la boria del volgo

scontra i suoi flutti.

Per loro è vento fuori casa,

tempesta nel vuoto.

Ma gli importa?

Ama e odia come solo

chi ama giusto, come

chi guarda l'altrui sorte e

non prova gusto.

Gli importa!

Penna impotente è

la sua per chi si pugnala con diletto,

un occhio al dì e l'altro

prima di andare a letto.

Non gli importa!

Lasciarli andare, cadere

come foglie morte, che

per chi dorme come loro

non c'è sveglia così forte.

No, non gli importa!

Eppur sta male, si tortura

tra i viaggi in terre ombrose

a cercar la lingua giusta.

Che così martoriato vede

l'uomo in carne,

un abisso e più lontano

da colui che dalla testa

non vuole uscirne.

Sì, gli importa!

Per quello spettro tra le orecchie

continuerà le sue ricerche:

si farà strada tra l'indifferenza loro

e viaggerà per quel tesoro.

SÌ, gli importa!

Lo donerà a quel mostro promettente,

di corsa e senza fiato,

lo donerà a quel prezioso

aborto dello stato.

SÌ, GLI importa!

Insieme penseranno, due

teste, penne, lingue e

tesori: a caccia di nuovi

orrori!

SÌ, GLI IMPORTA!


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i