Cerca
  • Libereria

BIANCO E NERO di Majlinda Petraj


Con te parlo...

Girati!

Guardami!

Vuoi che strappo con le unghie

la mia pelle nera?

Vuoi?

Così vedi

che il mio sangue è rosso

come il tuo?

Vuoi farmi un'autopsia

Lacerarmi con lo sguardo

per accontentare la tua

malata curiosità?

Ma cosa vuoi da me?

E chi ti ha messo sopra di me?

Guarda...

abbiamo la stessa scintilla di rabbia

negli occhi

abbiamo la stessa smorfia di precari

che lottano uno contro l'altro.

Siamo uguali.

Nel bene e nel male.

Non cercare di salire altri gradini.

Il nostro posto è qui.

Ora ed adesso.

E se non mi credi

va bene, smembrami.

Disfami.

Come un giocattolo nelle mani di un bambino.

Ma sai cosa fa un bambino

quando distrugge il suo gioco?

Piange.

Ed è quello che farai tu

quando guardando i miei pezzi rotti

riconoscerai te stesso!


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin