Cerca
  • Libereria

BIANCO E NERO di Majlinda Petraj


Con te parlo...

Girati!

Guardami!

Vuoi che strappo con le unghie

la mia pelle nera?

Vuoi?

Così vedi

che il mio sangue è rosso

come il tuo?

Vuoi farmi un'autopsia

Lacerarmi con lo sguardo

per accontentare la tua

malata curiosità?

Ma cosa vuoi da me?

E chi ti ha messo sopra di me?

Guarda...

abbiamo la stessa scintilla di rabbia

negli occhi

abbiamo la stessa smorfia di precari

che lottano uno contro l'altro.

Siamo uguali.

Nel bene e nel male.

Non cercare di salire altri gradini.

Il nostro posto è qui.

Ora ed adesso.

E se non mi credi

va bene, smembrami.

Disfami.

Come un giocattolo nelle mani di un bambino.

Ma sai cosa fa un bambino

quando distrugge il suo gioco?

Piange.

Ed è quello che farai tu

quando guardando i miei pezzi rotti

riconoscerai te stesso!


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i