Cerca
  • Libereria

FUMMO AMICI? di Francesco Contili


Appari senza preavviso

ti imponi nella mia visuale

il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.

Ti conosco?

Posso dire "un tempo

fummo amici?"

"un tempo ci odiammo?"

Biondo capello e viso greco,

la tua essenza mi sembra

di conoscerla già tutta.

Come un dio creatore

di me e di te

posso dire tutto su di te -

su come ci siamo conosciuti -

su come mi apparisti

in autunno, improvvisa.

Eppure te

nei miei ricordi -

davvero - non ci sei.

Ti ho forse cancellato?

Dov'è la lotta e dove la vittoria?

Il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.


11 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria