Cerca
  • Libereria

FUMMO AMICI? di Francesco Contili


Appari senza preavviso

ti imponi nella mia visuale

il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.

Ti conosco?

Posso dire "un tempo

fummo amici?"

"un tempo ci odiammo?"

Biondo capello e viso greco,

la tua essenza mi sembra

di conoscerla già tutta.

Come un dio creatore

di me e di te

posso dire tutto su di te -

su come ci siamo conosciuti -

su come mi apparisti

in autunno, improvvisa.

Eppure te

nei miei ricordi -

davvero - non ci sei.

Ti ho forse cancellato?

Dov'è la lotta e dove la vittoria?

Il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.


11 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria