Cerca
  • Libereria

FUMMO AMICI? di Francesco Contili


Appari senza preavviso

ti imponi nella mia visuale

il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.

Ti conosco?

Posso dire "un tempo

fummo amici?"

"un tempo ci odiammo?"

Biondo capello e viso greco,

la tua essenza mi sembra

di conoscerla già tutta.

Come un dio creatore

di me e di te

posso dire tutto su di te -

su come ci siamo conosciuti -

su come mi apparisti

in autunno, improvvisa.

Eppure te

nei miei ricordi -

davvero - non ci sei.

Ti ho forse cancellato?

Dov'è la lotta e dove la vittoria?

Il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof