Cerca
  • Libereria

FUMMO AMICI? di Francesco Contili


Appari senza preavviso

ti imponi nella mia visuale

il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.

Ti conosco?

Posso dire "un tempo

fummo amici?"

"un tempo ci odiammo?"

Biondo capello e viso greco,

la tua essenza mi sembra

di conoscerla già tutta.

Come un dio creatore

di me e di te

posso dire tutto su di te -

su come ci siamo conosciuti -

su come mi apparisti

in autunno, improvvisa.

Eppure te

nei miei ricordi -

davvero - non ci sei.

Ti ho forse cancellato?

Dov'è la lotta e dove la vittoria?

Il mistero che è in te

è lo stesso da secoli.


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st