Cerca
  • Libereria

LA GIOSTRA di Marta Bandi


Non so chi tu fossi

che infanzia abbia avuto

un seno materno

ti avrà mai consolato?

Due mani forti

ti avranno mai rimboccato le coperte?

Avrai avuto un amico,

un amore?

Non so che strada

hai percorso

per arrivare li

dove solo le fiamme

ti hanno trovato.

Lì in quel pezzo di terra

abbandonato

fra canne e sterpaglie

dove solo la morte

ti ha trovato.

Tutto è arso.

Ed ora, solo ora

tanti uomini

sono lì per te.

Uomini in divisa

uomini in tuta bianca

uomini con le macchine fotografiche.

Te ne sei andato da invisibile

in silenzio

o forse le tue grida

il vento le ha portate via

intorno a te

la giostra gira

come sempre

nessuno è sceso

per quel tuo ultimo giro

ora tutto è cenere

ed io non so chi tu fossi.


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof