top of page
Cerca
  • Libereria

LE MIE ISOLE di Doria Tacchia


Scendendo la scaletta del velivolo, cercò subito di richiamare a sé i profumi di quest’isola.

Il leggero vento di maestrale glieli stava porgendo e si sentì accolta.

Per un po’ rimase in silenzio, ne sentì la necessità, per poter riabbracciare la memoria.

Ogni angolo, ogni spicchio di cielo e i suoni, ritornarono trasportati dal volo di un falco.

Stava ridisegnando il suo passato.

Nel giardino di casa, la vecchia gatta rossa le venne incontro, la pianta di vite, aggrappata al filo si

era riempita di verdi piccole foglie, sotto al mandorlo, che oramai era già sfiorito, un gruppo di iris

bianchi ritti verso i rami.

L’albero di limoni all’ingresso, si stagliava su quel cielo ancora più blu.

Senza violarli, aprì gli armadi dei figli, che ora percorrono la loro vita altrove, e provò un piacere

immenso, nel consueto loro disordine, indossare un vecchio jeans stinto e una felpa un po’ lacerata

sul gomito.

Sentirsi madre da un’altra prospettiva, che raccoglie e indossa i panni dei figli, per avvicinarsi alle

loro lontananze.

È già stato detto il concesso, ora rimane tutto quello che le parole non possono tradurre, non sa

cosa sia l’infinito, ma le sembrava di partecipare ai dolci mutamenti, accogliendoli come il cielo

accoglie le sue Stelle... e sorrise.


16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page