Cerca
  • Libereria

L'ESERCITO DEGLI ANTIEROI di Valentino Picchi "Hechìzo"


Non tornerò da eroe Ma d'abitudine Sulle ali del senso, Il settimo. Ho visto incudini legate Alle caviglie degli Eserciti per cui Conta solo il numero. Le mani sporche di sangue Sono quelle che più Cercano mani da stringere e Aspettano una pioggia Che lavi. Ma arriverà La tempesta imperfetta Quella per noi, Si leveranno i fronti e Al sole volgeranno i sogni Oltre le fronti: Un'artiglieria di Vocaboli a Ridire il mondo, Esercito, Schiere d'antieroi Delle cause perse ma Dalle conseguenze utili: Non potrai non Aggiungerti a Noi e alle nostre anime In fuga, Le nostre anime Dai numeri bassi.


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof