Cerca
  • Libereria

NON COGLIERMI, ACCOGLIMI di Gianluca Sonnessa


Siamo stati tanto vicini da riuscire a fermare il tempo, ma non per sempre. Sicuramente una frazione di eternità conserva il peso di quell'attimo in cui, separati solo dal soffio di un vento con in braccio il ronzio delle api davvero riuscimmo ad essere una cosa sola. Restando liberi di essere. Siamo stati vicini come cielo e mare per chi osserva l'orizzonte o come lembi di una ferita che nel volersi riavvicinare sanno di essere già cicatrice. Quel mondo era completo, non serviva altro per renderlo perfetto. Ma non ti bastava. Lentamente, poco per volta, con delicatezza, sei riuscito a togliermi dalla terra per chiudere dentro un vaso le mie radici. Mi volevi per te. Ed io, lentamente, ho iniziato a morire.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i