Cerca
  • Libereria

SENTORI di Alessandra Bloise Diana


Piccola,

come un essere del creato,

occhi vitrei di pesci morti

in barattoli di comune destino,

il dio non ne sente la compassione

capace solo di compiacersi

della potenza che (da lui) sovrasta.

Di inerme vita

di vago senso all’esistenza

alterno confusa

il prevalere doppio e contrario

di chi sovrasta e non avverte

a chi investito e annientato

del mondo tutto

ne possiede il sentire.


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st