Cerca
  • Libereria

SENTORI di Alessandra Bloise Diana


Piccola,

come un essere del creato,

occhi vitrei di pesci morti

in barattoli di comune destino,

il dio non ne sente la compassione

capace solo di compiacersi

della potenza che (da lui) sovrasta.

Di inerme vita

di vago senso all’esistenza

alterno confusa

il prevalere doppio e contrario

di chi sovrasta e non avverte

a chi investito e annientato

del mondo tutto

ne possiede il sentire.


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof