Cerca
  • Libereria

SCRIVI di Doria Tacchia


A piedi scalzi, a mani nude

scrivi.

Scrivi per non tacere il disaccordo, per far rumore nella tempesta,

scrivi forte che non appartieni a ciò che resta,

né per convenzione, né per stanchezza, né per inutile protesta.

Scrivi,

scrivi che non t'importa di quel confine, è un'illusione di chi lo pone, e con la penna in mano gli tieni testa, e non è Tutto... ma è ciò che resta.

Se posso scrivo per dire basta, ai vuoti da riempire in testa di chi sfoggia le Verità in tasca.

M'insegnino i dottori, a cucirmi le ferite, e i filosofi a usare le solite frasi e le parole ardite...

e poi il mio corpo infine, in mezzo al foglio e scrivo ancora, se è muto il coraggio di dire Voglio!

E allora voglio, prendermi carico del mio pensare per dire che ancora so nuotare,

in quelli che a volte chiamano abissi.

Scrivi e accertati di aver scritto, quello che davvero pensi di dar per certo.

E leggo sentenze con belle parole, pesanti tanto quanto la fame e il dolore, e sono gli abiti che ti porti appresso, e non vedi nemmeno te stesso.

...e s'alza il vento,

e scopre i volti, e allora scrivo dei nostri silenzi che avvolgono i dubbi che mi accompagnano, che graffiano i vetri di questa finestra.


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st