Cerca
  • Libereria

DENTRO UN PUGNO di Matteo Gentili


C’era il bullo della scuola quello che mi prendeva a schiaffi calpestava il mio volto con la suola mentre rideva sotto i baffi con le lacrime che scorrevano sul mio viso da ragazzo con i compagni che guardavano e poi non facevano un cazzo con la paura di lasciare qualcosa d’irrisolto cambiai il mio nome in pazzo mentre scrivevo come un matto di tutto quello che vivevo, di come soffrivo di tutto quello che dicevo, realizzando un patto avrei scritto per me stesso, per sentirmi vivo con una penna, su un foglio bianco ora come prima scrivo, senza sentirmi stanco

Se ho sconfitto il bullo lo devo alla scrittura, se ho sconfitto me stesso, lo devo alla poesia se ora giro tranquillo, senza paura lo devo a quella sicurezza, che ora ho fatto mia se scrivo e giro, senza più abbassare lo sguardo lo devo a chi a creduto in me, così ho raggiunto quel traguardo se ora posso scrivere, senza mai fermare il polso lo devo a chi mi ha aiutato, e non smette di farlo parlare di tutti io non posso, ma siete stati il mio faro in mezzo a tutto parlare di altro io non voglio ma siete stati il mio inizio, il mio durante, il mio universo...


4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr