Cerca
  • Libereria

DENTRO UN PUGNO di Matteo Gentili


C’era il bullo della scuola quello che mi prendeva a schiaffi calpestava il mio volto con la suola mentre rideva sotto i baffi con le lacrime che scorrevano sul mio viso da ragazzo con i compagni che guardavano e poi non facevano un cazzo con la paura di lasciare qualcosa d’irrisolto cambiai il mio nome in pazzo mentre scrivevo come un matto di tutto quello che vivevo, di come soffrivo di tutto quello che dicevo, realizzando un patto avrei scritto per me stesso, per sentirmi vivo con una penna, su un foglio bianco ora come prima scrivo, senza sentirmi stanco

Se ho sconfitto il bullo lo devo alla scrittura, se ho sconfitto me stesso, lo devo alla poesia se ora giro tranquillo, senza paura lo devo a quella sicurezza, che ora ho fatto mia se scrivo e giro, senza più abbassare lo sguardo lo devo a chi a creduto in me, così ho raggiunto quel traguardo se ora posso scrivere, senza mai fermare il polso lo devo a chi mi ha aiutato, e non smette di farlo parlare di tutti io non posso, ma siete stati il mio faro in mezzo a tutto parlare di altro io non voglio ma siete stati il mio inizio, il mio durante, il mio universo...


4 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria