Cerca
  • Libereria

FERMENTO di Marco Domenico Grastolla


Affida la tua rabbia a un pensiero affila le parole ingaggia in prima fila la battaglia che ti rende fiero

Trova un senso cangiante al caos bloccalo per il tempo che occorre a lasciare i segni sulla carta che da lì come pietra arriverà su crani e menti

Calcia, strappa, sfonda con la penna ogni cuore che tentenna stira, scuoti, lancia il tuo spirito trasformalo in un'antenna distruggi, ricrea, contamina col verbo e con l'azione che dietro incalza

Sovverti l'ordine di te stesso fatti rivoluzione brucia, risorgi, uccidi, aiuta alla vita nuova tu che riesci a vedere il filo che lega queste parole

se non tu, chi altro può generare una nobile prole?


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof