Cerca
  • Libereria

FERMENTO di Marco Domenico Grastolla


Affida la tua rabbia a un pensiero affila le parole ingaggia in prima fila la battaglia che ti rende fiero

Trova un senso cangiante al caos bloccalo per il tempo che occorre a lasciare i segni sulla carta che da lì come pietra arriverà su crani e menti

Calcia, strappa, sfonda con la penna ogni cuore che tentenna stira, scuoti, lancia il tuo spirito trasformalo in un'antenna distruggi, ricrea, contamina col verbo e con l'azione che dietro incalza

Sovverti l'ordine di te stesso fatti rivoluzione brucia, risorgi, uccidi, aiuta alla vita nuova tu che riesci a vedere il filo che lega queste parole

se non tu, chi altro può generare una nobile prole?


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st